Menu Principale

Chiudi Chi Sono - Dove sono ?

Chiudi Comperare o Adottare ?

Chiudi Crudeltà Umana

Chiudi Le Loro Storie

Chiudi Normative e leggi vigenti

Chiudi Poesie per Loro

Chiudi Pronto Soccorso

Chiudi S.O.S. Animali

Chiudi Un Paese che esiste

Chiudi Yorkshire Terrier

Ricordarli Sempre

CIMITERO Virtuale

Le sue Domande

Preghiere del Cane

Slide - JPG GallerY

Webmaster - Contact
Visite

   visitatori

   visitatori online

Parliamoci
Comment TagBoard
Scrivi un commento
Pronto Soccorso - Malattie del Cane
Malattie del Cane

malattie del Cane

Filariosi - Demodicosi o (rogna rossa)
Area Europa del Sud, USA, Australia, Giappone, Canada del Sud, Sud-Est Asiatico e Africa. Italia: diffusa su tutto il territorio nazionale, degne di nota per l'elevata casistica le province di: Cremona, Piacenza, Rovigo, Ferrara, Torino,Novara, Pavia, Mantova, Modena, Bologna(soprattutto legata alle aree in prossimità di corsi d'acqua o di acque stagnanti dove le zanzare sono più numerose).
Stagione Generalmente da aprile fino a ottobre.
Uomo Non colpisce l'uomo.
Cos'è? E' una malattia parassitaria (Dirofilaria 
Immitis) trasmessa dal morso di zanzare infette.
Come? I vermi adulti vivono nel ventricolo cardiaco destro e nelle arterie polmonari del cane. Le femmine producono le microfilarie (forme larvali giovani) che diffondendosi nel sangue sono facilmente ingerite dalle zanzare, all'interno di queste si trasformano in larve infestanti. Quindi la diffusione della malattia avviene durante l'azione ematofaga delle zanzare portatrici di tali larve infestanti.
Incubazione I sintomi compaiono dopo alcuni anni.
Sintomi I primi sintomi che si manifestano sono legati ad un disturbo cardiopolmonare: affaticamento,abbattimento, e collasso in seguito ad agitazione o sforzo eccessivi, 
tosse e anoressia.
Cura E' strettamente legata alla gravità dei sintomi, infatti se la malattia è in stadio avanzato la cura può persino scatenare delle reazioni avverse che mettono in gioco la vita dell'animale.
Medicinali Vengono generalmente usati derivati dell'arsenico per eliminare i vermi adulti seguiti dall' ivermectina per uccidere le microfilarie.
Prevenzione Esami del sangue seguiti dalla somministrazione per bocca di farmaci contro la filariosi (microfilaricidi in 
compresse o tavolette) da utilizzare una volta al mese.


Uomo Non è contagiosa per l'uomo
La Demodicosi o Rogna Rossa è una malattia sostenuta da un acaro parassita chiamato Demodex canis. Il Demodex vive principalmente nel follicolo pilifero dove si riproduce e causa la caduta del pelo. Lo si ritrova anche nelle ghiandole sebacee. Non è una malattia contagiosa ne per l'uomo ne per gli altri animali.  Il suo ciclo vitale è di 20-35 giorni.
Come? Il contagio avviene solo nei primi 2-3 giorni di vita del cucciolo durante l'allattamento, per contatto diretto con la madre portatrice della malattia. Infatti è già dimostrabile sul muso dei cucciolini di 16 ore di vita.  
I cuccioli nati per parto cesareo da madri infestate e allontanati subito non contraggono la malattia.
Perché Il parassita può essere presente in numero ridotto nella pelle di molti cani sani senza per questo dare origine alla malattia. Solo in alcuni soggetti si moltiplica a dismisura dando la tipica sintomatologia.
In che modo Le cause scatenanti sono ancora allo studio anche se pare ormai accertato che: -esiste una predisposizione ereditaria legata a certe razze o addirittura a certe linee di sangue all'interno della razza - fattori stressanti o debilitanti che agiscono sul sistema immunitario compromettendone il suo buon funzionamento -in genere sono colpiti i soggetti in età prepubere vale a dire al di sotto dell'anno di età
Razze a rischio Le razze brachicefale a pelo corto sono le prime della lista: 
BOXER, BULLDOG, AMERICAN STAFFORDSHIRE TERRIER, PIT BULL TERRIER, BOSTON TERRIER 
Razze a pelo corto dolicocefale: 
BASSOTTO, BASSETT HOUND, DOBERMAN, ALANO, DALMATA, POINTER 
Altre razze: 
COLLIE, BEAGLE, PASTORE TEDESCO, COCKER SPANIEL
Sistema Immunitario Il difetto ereditario consisterebbe in un'anomalia dei Linfociti-T i quali non riconoscerebbero il Demodex canis come "nemico". 
I Linfociti-T fanno parte del complesso insieme del sistema immunitario di un organismo, volto alla difesa di tutte le possibili aggressioni. 
Inoltre è stato anche dimostrato che quando il Demodex canis è presente in grande numero nella pelle del cane malato produce un fattore chimico capace di deprimere a sua volta il sistema immunitario!
Immune depressione I fattori che influiscono negativamente sul buon 
funzionamento del sistema immunitario sono: età, pelo corto, cattivo stato di nutrizione, estro, parto,stress, parassiti intestinali e malattie debilitanti
Sintomi Forma localizzata: 
arrossamento cutaneo, desquamazione, diradamento del pelo (testa,collo, gomiti) 
Forma generalizzata: 
è estesa a tutto il corpo dell'animale e può anche essere complicata dai batteri i quali si trovano nelle condizioni ottimali per creare un danno ulteriore. In questi casi la cura diventa difficoltosa e si può anche arrivare alla completa debilitazione del cane
Diagnosi La diagnosi viene confermata attraverso un raschiamento cutaneo e l'evidenziazione del parassita al microscopio.
Cura La cura è specifica per ciascun caso. 
In linea di massima per la forma localizzata vengono utilizzati prodotti acaricidi per uso topico: come soluzioni da applicare localmente, molto utile è la somministrazione di vitamina E. La cura può anche protrarsi per lunghi periodi e la ricaduta è rara. Per quanto riguarda la forma generalizzata e/o complicata da germi solo la visita clinica accurata può stabilire la linea terapeutica migliore



Area Europa,USA del Sud, Asia, Giappone, Africa,Sud-America ed America Centrale.
Stagione In genere la stagione estiva quando le zecche sono attive.
Uomo Il parassita viene definito ospite specifico,
in questo caso è specifico del cane.
Cos'è? E' una malattia causata da un protozoo
parassita e trasmessa con il morso delle zecche infette.
Come? Il parassita vive e si riproduce nei globuli rossi causando la loro massiva distruzione ed anemia.
Incubazione Da 2 a 4 settimane.
Sintomi I sintomi più appariscenti sono:
abbattimento dovuto alla febbre alta  all'anemia, urina di colore bruno. Oltre alle forme iperacute ed acute ci sono anche casi cronici.
Cura Consiglio: affrettatevi dal vostro 
veterinario! L'evoluzione rapida della malattia è quasi la norma.
Medicinali Imidocarb, Diminazene diaceturato, e altri 
farmaci. In italia per la cura dei piccoli animali viene impiegato l'imidocarb.
Prevenzione E' disponibile il vaccino anche se non protegge completamente contro l'infezione.

Inoltre:

Il nostro rapporto con cani e gatti spesso è rovinato o eccessivamente influenzato dalla paura delle malattie trasmissibili dagli animali all'uomo. Importante è sapere che può succedere anche l'inverso: cioè che siano gli umani a trasmettere malattie agli animali. Comunque pochissime sono le malattie trasmissibili dall'animale all'uomo. Oggi sappiamo quali sono e come tenerle sotto controllo. Inoltre la maggior parte dei microrganismi sono specie-specifici, cioè colpiscono soltanto una specie animale (o solo cane o gatto o coniglio ....o uomo).
Per di più le persone possono trasmetterci malattie più facilmente di cani e gatti, eppure questo non condiziona i nostri rapporti sociali. Prendiamo l'autobus, stiamo in ufficio o partecipiamo a feste o a riunioni, virus e batteri possono essere dappertutto, ma non per questo diventiamo eremiti. La paura delle malattie non deve impedirci di avere relazioni con cani e gatti. Le quotidiane regole di igiene, come lavarsi le mani prima di mangiare e la normale pulizia della casa, già bastano a difenderci da molti rischi.
Un fattore che può indurre in inganno sono i nomi, spesso imprecisi o simili a quelli delle patologie umane. Quello che fa più impressione è certo l'Aids felino (immunodeficienza felina). Si tratta anche in questo caso di un'affezione specie-specifica: non è trasmissibile agli esseri umani né l'Aids umano è trasmissibile ai gatti.
Un altro fattore da considerare è la scarsa passione che alcuni medici hanno nei confronti degli animali, che li porta spesso ad ingigantire i rischi, per cui gli animali significano sporcizia e pericolo e diventano il capro espiatorio su cui scaricare colpe infinite.
In realtà mantenere il proprio animale sano e dedicargli appropriate attenzioni igieniche mette al riparo dalle poche malattie trasmissibili. E' importante perciò sottoporre il proprio animale a regolari visite di controllo presso un veterinario di fiducia che potrà anche suggerire tutte le precauzioni da prendere.

Ogni giorno nascono moltissimi cuccioli di cane e gatto. Alcuni sono fatti nascere intenzionalmente, altri invece nascono da animali fertili randagi o comunque lasciati troppo liberi.
 
Il numero di cani e gatti è molto maggiore rispetto alle famiglie disposte ad ospitarli. Gli animali non voluti sono considerati come un fastidio, una seccatura. Tanto comune quanto illegale come "soluzione" è l'abbandono: molta gente abbandona gli animali pensando che qualcuno li raccoglierà oppure che possano sopravvivere procacciandosi il cibo da soli. In realtà quasi sempre li attende un trattamento crudele, morte per fame, malattia, freddo, incidente stradale oppure possono essere vittime di persone senza scrupoli che li useranno per allenare cani da combattimento. Oltre a questo, gli animali liberi continueranno a riprodursi, aumentando il fenomeno del randagismo.
Quando si decide di far avere una cucciolata al proprio animale, bisognerebbe pensarci un bel po'. E anche ammettendo che si riesca a dare una valida sistemazione a tutti i cuccioli, si continua ad alimentare il circolo della sovrappopolazione, senza tener conto del gran numero di animali abbandonati nei vari rifugi che aspettano di essere adottati. Inoltre i canili sono sovraffollati e non sono più in grado di accogliere cucciolate in attesa di sistemazione.
E' evidente quindi che la migliore soluzione è quella della sterilizzazione. E' vero, si tratta di un atto "contro natura", ma d'altra parte è "contro natura" anche imprigionare le femmine o impedire ai maschi di raggiungerle durante i calori. Purtroppo la vita degli animali da compagnia è già "snaturata" essendo essi dipendenti da noi in mille modi diversi e la sterilizzazione non costituisce certamente lo "snaturamento" maggiore.

Ed ecco, molto sinteticamente, alcune informazioni in proposito:

Non bisogna illudersi di riuscire ad impedire l'accoppiamento (basta una sola disattenzione o un imprevisto e si sono rese vane mille precauzioni);

Per il maschio esistono:
 
La castrazione, che impedisce la procreazione e rende l'animale più tranquillo, meno aggressivo e meno incline a scappare (si evitano così diverbi con i proprietari di femmine non consenzienti, scontri tra maschi rivali con conseguenze spesso gravi ed incidenti stradali o altri danni a cose e persone). Inoltre nel gatto elimina la spiacevole abitudine di marcare il territorio;
la vasectomia, quasi esclusivamente utilizzata nel cane, che lascia inalterato l'istinto naturale dell'animale ma impedisce la procreazione;

Per la femmina esistono:
 
La castrazione o "ovariectomia" (asportazione delle ovaie, con o senza utero), che costituisce l'intervento risolutivo per eccellenza perché elimina il calore (ciò va particolarmente a vantaggio di chi si trova a fare i conti con appassionati ammiratori durante le passeggiate o davanti alla porta di casa!).
Nelle cagne aggressive si nota in genere un addolcimento del carattere. E' importante sottolineare che questo intervento, se effettuato entro il primo anno di età (primo calore), si è dimostrato come l'unico mezzo efficace nella prevenzione dei tumori mammari e dell'utero (molto frequenti in cagne e gatte). Per restare in tema, anche nel maschio la castrazione previene l'insorgenza del tumore alla prostata (frequente nel cane adulto);
la legatura delle tube, poco consigliabile nella gatta perché porta a continui calori con conseguente stato di protratto nervosismo (anche del proprietario!), evita il concepimento ma non le manifestazioni del calore, il richiamo dei maschi e le gravidanze immaginarie;
In alternativa agli interventi chirurgici c'è chi sceglie trattamenti farmacologici con le cosiddette "pillole" ma queste, oltre alla dubbia affidabilità, possono avere effetti dannosi alla salute e a lungo andare possono predisporre ad infezioni se non addirittura a tumori.
Inoltre le pillole richiedono trattamenti protratti e costosi nel tempo.
Fermo restando che il mondo in cui viviamo e le sue risorse non sono solo nostre ma vanno condivise anche con gli altri esseri viventi, la sterilizzazione si prospetta come un metodo quantomeno preventivo di nuove nascite con un destino estremamente incerto, se non crudelmente segnato.

Alcune delle più comuni obiezioni sono:

Sterilizzare un animale lo fa ingrassare? No, a patto che abbia una alimentazione adeguata e faccia esercizio. La sovralimentazione e la vita sedentaria sono infatti i veri responsabili dell'obesità.
E' preferibile che le femmine abbiano almeno un parto? Le femmine di cane e gatto possono vivere tranquillamente la loro vita senza aver mai partorito. Un tempo si consigliava un parto unicamente per facilitare il successivo intervento di sterilizzazione ma oggi, grazie alle moderne tecniche chirurgiche, l'intervento non comporta maggiori rischi se l'animale non ha mai partorito.
E la spesa? La sterilizzazione è una evenienza che si verifica una sola volta durante la vita dell'animale.
Sicuramente a conti fatti viene a costare di più, non solo in termini di denaro ma anche di tempo, il parto, l' accudimento dei cuccioli e la cura delle eventuali complicanze e malattie sia della madre che dei cuccioli. In quest' ottica la spesa prevista dal tariffario dell'Ordine dei Medici Chirurghi Veterinari è accessibile a tutti.



Data creazione : 18/10/2010 @ 21:06
Ultima modifica : 20/10/2010 @ 13:48
Categoria : Pronto Soccorso
Pagina letta 7917 volte


Stampa pagina Stampa pagina

 
Notiziario - Comunicati

Il sito e ancora attivo Lia, anche se ci sono stati alcuni problemi nel periodo estivo tra ferie, ed incidenti vari, ho raccolto diverse pagine da inserire nel Cimitero Virtuale da voi Uploadate, ho risposto anche a tutti in base alle e.mail da voi inviate, ma solo da pocchi ho avuto risposte, o avete sbagliato a digitare la vostra e.mail, o e successo qualche errore a livello di server, e non può essere colpa mia. comunque non faccio pagine su falsi dati.
inviami il nome del cane. - Al momento ho in lista i seguenti cani  e vari: -  - Astrid - Dody - edith - Kriss - Max - Maya - Lillo - Pippy - chicco.
Se non cè tra questi: inviami il tutto e cercherò di preparare quanto prima, da alcuni sto aspettando ancora risposta di conferma.
Ciao!
Severino
Appena trovo un pò di tempo cercherò di fare anche le pagine cui non ho ricevuto conferma !!!

Logo TV animalista

Organizzazione Internazionale Protezione Animali
 
NewsLetters
Per ricevere informazioni sulle novità di questo sito, puoi iscriverti alla nostra Newsletter.
Captcha
Ricopia il codice :
Traduction Language
Pubblicità
Vota Questo Sito !

Siti - Amici !

LegaNord Latisana
anclignano
anclignano
pertegada calcio
atletico Pertegada

 

Ricerca



Sondaggio
cosa pensi del Sito ?
 
Eccellente !
Ottimo
Medio
Boh.....
C'è di Meglio
Risultati
Calendario
^ Torna in alto ^